Rete civica del Comune di Firenze
testata per stampa

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

  Home » Sportello Unico Edilizia » Atti e normativa» Regolamento edilizio
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina Twitter Facebook

Regolamento edilizio

Il Regolamento edilizio è lo strumento tramite il quale i Comuni disciplinano l'attività edilizia, per espressa previsione di Legge (art. 2, comma 4 del DPR 380/01 “Testo unico dell'edilizia”), con particolare riguardo al rispetto delle normative tecnico-estetiche, igienico-sanitarie, di sicurezza e vivibilità degli immobili e delle pertinenze degli stessi.

Il Regolamento Edilizio attualmente vigente è efficace dal 11 marzo 2019.

Il Regolamento edilizio, approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 2019/C/00014 del 11.03.2019, adeguato all'Intesa Stato Regioni del 18 ottobre 2016 (G.U. 268 del 16.11.2016) è redatto secondo lo schema-tipo e gli allegati approvati dall’Intesa, come recepiti da parte della Regione Toscana, con Deliberazione della Giunta Regionale n. 524 del 21 Maggio 2018.

Definizioni uniformi dei parametri urbanistici e ricognizione della disciplina generale dell’attività edilizia vigenti

NOTA BENE per una efficace comprensione del Regolamento Edilizio adeguato allo schema-tipo è utile sapere che:
La Parte Prima del Regolamento Edilio contiene
i principi generali, la struttura e i riferimenti alle definizioni uniformi - artt. 1 e 2.
La Parte Seconda del Regolamento Edilizio contiene:

- gli aspetti di tipo generale inerenti le disposizioni organizzative e le procedure del processo edilizio -
articoli da 3 a 23;
- la
disciplina igienico-sanitaria - articoli da 24 a 57. L’art. 25, in particolare, individua le finalità e i principi ispiratori della disciplina che devono essere sempre garantiti e che costituiscono riferimento primario nelle casistiche non univocamente riconducibili alla disciplina di dettaglio;
- la disciplina di decoro e tutela dell’immagine urbana -
articoli da 58 a 91. Gli artt. 62 e 73 individuano le finalità e i principi ispiratori della disciplina che devono essere sempre garantiti e che costituiscono riferimento primario nelle casistiche non univocamente riconducibili alla disciplina di dettaglio;
- l
a disciplina transitoria in materia di definizioni uniformi - art.95.

Per saperne di più vai anche nella sezione "Approfondimenti" e consulta le schede informative alla disciplina urbanistico-edilizia comunale. 

 

     
    twitterfacebookyoutube

    città di firenze
    Comune di Firenze
    Palazzo Vecchio, Piazza della Signoria
    50122 FIRENZE
    P.IVA 01307110484

    Amministrazione Trasparente: I dati personali pubblicati sono riutilizzabili solo alle condizioni previste dalla direttiva comunitaria 2003/98/CE e dal d.lgs. 36/2006